Acido folico e allattamento. Quanto sono importanti?

GODITI LA VITA – Al via la campagna sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. IL VIDEO
Novembre 19, 2019
Il vomito è un segnale per capire se è maschio o femmina?
Dicembre 3, 2019
Mostra tutto

Acido folico e allattamento. Quanto sono importanti?

Proprio oggi a Roma, l’Istituto Superiore di Sanità ha diramato i primi risultati del  Sistema di Sorveglianza sui bambini da 0-2 anni. Sembra che le mamme di oggi siano proprio più consapevoli, informate e attente ma un dato allarmante c’è:

un bambino su dieci risulta inoltre non essere mai stato allattato.

E’ necessario promuovere l’importanza dell’allattamento e la prevenzione delle malformazioni congenite.

Solo una mamma su 4 oggi allatta il suo bambino in maniera esclusiva a 4-5 mesi di vita e ancora molte non assumono l’acido folico prima dell’inizio della gravidanza.

Troppo pochi i bambini allattati in maniera esclusiva per il tempo raccomandato dall’OMS: appena il 23,6% a 4-5 mesi di età. Un bambino su dieci risulta inoltre non essere mai stato allattato.

Allattamento

I benefici dell’allattamento sia per la mamma che per il bambino sono ormai ben documentati. L’OMS e l’UNICEF raccomandano di allattare in modo esclusivo fino ai 6 mesi di età del bambino e di prolungare l’allattamento fino ai 2 anni e oltre, se desiderato dalla mamma e dal bambino. Nelle regioni coinvolte i bambini allattati in maniera esclusiva a 4-5 mesi di età sono meno di un quarto (23,6%) con una variabilità dal 16,6% al 44,7% e quote più basse rilevate nelle regioni del Sud. Risultano non essere mai stati allattati l’11,7% dei bambini, con una variabilità dal 5% al 18,4%.

Assunzione di acido folico in epoca periconcezionale

L’assunzione quotidiana di 0,4 mg di acido folico (vitamina B9) da quando la coppia comincia a pensare a una gravidanza fino alla fine del terzo mese di gestazione, protegge il bambino da alcune gravi malformazioni congenite. Oltre il 97% delle mamme nelle regioni partecipanti alla Sorveglianza ha assunto acido folico in occasione della gravidanza, ma poco più di un quinto di loro (21,7%) lo ha fatto in maniera appropriata per la prevenzione delle malformazioni congenite, con una variabilità per regione compresa tra il 16,7% e il 35,7 %.

Leggi anche la puntata dedicata allattamento diretta dalla dott.ssa Elisa Caruso:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.