Allattamento: le risposte della specialista del settore

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook

Come vi avevamo promesso qualche giorno fa in uno dei miei post condivisi sulla pagina facebook del mio studio ginecologico, la rubrica di questa settimana è dedicata alle domande sull’ #ALLATTAMENTO.

Perché è importante e cosa è indispensabile sapere sull’allattamento materno? Ho raccolto le vostre domande e le vostre curiosità e a rispondere oggi è la nostra specialista del settore, Grazia Ibclc De Fiore, ormai nota alle lettrici della Rubrica di Elisa per aver promosso un interessante incontro sul babywearing proprio qualche settimana fa.

Allattare è un gesto naturale ma può non essere né facile né immediato. Ciononostante, è la scelta più giusta per la salute del bambino.

Ecco le domande che ci avete posto su facebook e alle quali oggi rispondiamo:

Letizia D’Agostino: Salve. La mia domanda è: ho una bambina di 8 giorni che è praticamente un angioletto. Mangia e dorme nel senso stretto del termine. La pediatra dice che è perfetta … è cresciuta … Non ha nulla che non va. Io mi chiedo, sarà che il mio latte è talmente ricco di nutrienti che la sazia e la fa star bene a tal punto da avere già orari di 2 ore tra sonno e poppata?!? O è semplicemente il suo carattere?

Grazia De Fiore: Salve, complimenti per il suo allattamento. Come dice la pediatra tutto procede molto bene. La bambina di sazia bene da lei e probabilmente ha un carattere tranquillo, per ora! Quindi va benissimo così … Felice allattamento! 

Daniela Giammello: Complimenti per la Rubrica. Io ho una bimba di 14 mesi a cui ho tolto, senza drammi, le poppate giornaliere e quelle serali ma quelle notturne sono un dramma. Come posso smettere di allattare senza che la bimba ne risenta?

Grazia De Fiore: Le poppate notturne sono sempre quelle più difficili da eliminare. Spesso il papà può essere d’aiuto coccolando la bimba e offrendo qualcosa da bere. 

Attilia Musumeci: Una delle cose più belle che una madre possa fare x il figlio! Ho allattato tutti e tre i miei figli e anche se ritengo che sia un pò faticoso e sacrificante (c’è sempre il tira latte però) sono fermamente convinta che sia indispensabile per la serenità e salute del nascituro, niente coliche, niente nottate e soprattutto bambini sani con un sistema immunitario forte. Allattate se potete !?

Grazia De Fiore: Brava Attilia e complimenti per il successo dei suoi tre allattamenti. La tua testimonianza è preziosa per tutte le mamme.

Vittoria Cataro: Ho un bambino di 40 giorni che allatto. È un bambino tranquillo e sta crescendo bene. Ad oggi alterna poppate ogni 2 ed ogni 3 ore, ma mi chiedo crescendo aumenteranno le ore che intercorrono tra le poppate o potrebbero comunque rimanere così? Ed inoltre siccome tornerò a lavorare e dovrò tirarmi il latte come faccio a quantificare il latte da dargli con il biberon equivalente a quello che mangia ad ogni poppata dal mio seno?

Grazia De Fiore: L’intervallo tra una poppata e l’altra cambierà ma non comprometterà la riuscita dell’allattamento. Quando rientra al lavoro, lasci a disposizione del bambino 2 poppate da 100 ml. Chi si occuperà del bambino offrirà quanto necessita e stabilirà orientativamente quanto latte necessita per ogni poppata. Non possiamo sapere quanto latte bevono ad una poppata ma possiamo stimare che il fabbisogno di un bambino è tra 80 e 160 ml a poppata quando la mamma è assente.

 

Se anche tu hai domande da porre sull’allattamento e sulla gravidanza in generale:

scrivi email a [email protected]

oppure segui e scrivici nella nostra pagina facebook  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.