Infezioni vaginali? Ecco come prevenirle

Hai fastidi alle parti intime? L’autodiagnosi non è la mossa giusta. Chiedi prima al tuo ginecologo. 

Per costituzione anatomica e fisiologica, tutte le donne sono soggette ad infezioni vaginali. Si tratta di alterazioni dell’ecosistema che possono presentarsi in alcuni casi anche senza sintomi e possono arrecare danni più o meno significativi.

La miglior cura è la giusta diagnosi. Essa può avvenire mediante visita (ad esempio per la Candida), mediante striscio a fresco (ad esempio per la Candida e per il Trichomonas), oppure mediante tamponi vaginali mirati. In base alla localizzazione dell’infezione si parla di vulviti (infezione della vulva ovvero dei genitali esterni) vaginiti (infezione della vagina), cerviciti (infezione della cervice uterina), endometriti (infezione dell’endometrio), annessiti (infezione delle tube).

Le infezioni sono comunque una evenienza piuttosto frequente nella donna, causata spesso dalla presenza di decine di specie di batteri che normalmente convivono nel nostro organismo senza dare nessun fastidio ma che a volte prendono il sopravvento, oltrepassando il nostro naturale sistema difensivo.

L’ecosistema vaginale di ogni donna è un mondo a se che in condizioni di equilibrio si autoregola e si difende dagli attacchi, in altre, invece, viene reso vulnerabile da alcuni fattori.

La CAUSA primaria delle infezioni sono i rapporti sessuali.

Ma tra le CIRCOSTANZE più diffuse, ci sono anche:

  • un contatto azzardato con l’ambiente esterno,
  • squilibri alimentari e/o ormonali,
  • indumenti non corretti,
  • stress,
  • situazioni di immunodeficienza
  • interventi chirurigici.

Di seguito, vi propongo 10 semplici consigli per aiutarvi a prevenire fastidiose infezioni:

  1. Innanzitutto, lavare correttamente la zona intima, passando dalla vagina all’ano e non viceversa;
  2. Dato che i lieviti si riproducono in ambienti umidi, è importante asciugare per bene l’area vaginale;
  3. Utilizzare un detergente intimo che non altera il PH acido; 
  4. Evitare indumenti eccessivamente stretti e aderenti; 
  5. Una dieta completa e variata, ricca di frutta e verdura; 
  6. Utilizzare sempre il preservativo nei rapporti sessuali occasionali; 
  7. Fare ogni tanto uso di ovuli vaginali, su consiglio medico; 
  8. Usare solo il proprio asciugamano personale, anche in famiglia; 
  9. Non trascurare sintomi anche leggeri, quali bruciore, prurito e perdite maleodoranti; 
  10. Limitare l’utilizzo dei salvaslip. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.