Quando una donna non ha più impulsi sessuali perché accade?

Sappiamo bene che l’impulso sessuale varia da un soggetto all’altro. Ma vi è mai capitato di sentire parlare di disturbo dell’interesse sessuale? O meglio, vi è mai capitato di provarlo?

Ci sono donne che ad un certo punto della loro vita, per motivi sconosciuti a loro stesse ed al loro partner, riducono, fino al totale scomparire, la loro vita sessuale, l’autoerotismo e la produzione di immaginario a contenuto erotico.

Fino alla fine degli anni Novanta i disturbi sessuali femminili non sono stati al centro della ricerca scientifica, se non in minima parte. Negli ultimi anni sembra essere diventato più facile parlare di disturbi sessuali femminili e la letteratura scientifica è sensibilmente fiorita in questa direzione.

In genere le donne che vengono colpite da questo disturbo non percepiscono nessun interesse per il sesso e non rispondono soggettivamente o fisicamente alla stimolazione sessuale. Molto spesso il disturbo è associato a dolore durante il rapporto, a difficoltà nel raggiungimento dell’orgasmo e a una scarsa frequenza dell’attività sessuale.

Ma perché alcune donne manifestano questo disturbo? E quali sono le cause?

Il disturbo da eccitazione femminile è riconducibile a varie cause:

  • scarso tono dei muscoli perivaginali che comportano un’assenza di sensibilità sessuale nell’area vaginale e quindi difficoltà di eccitamento e di orgasmo;
  • difficoltà nell’elaborazione di fantasie sessuali;
  • carenze ormonali (estrogeni e/o testosterone) e menopausa;
  • fobie sessuali specifiche;
  • scarse abilità sessuali della donna e/o del partner;
  • scarse abilità di comunicazione della coppia;
  • omofobia interiorizzata.

Questo calo del desiderio femminile può includere tutte le forme di espressione sessuale, oppure può essere situazionale, quando è limitato ad un partner o ad una attività sessuale specifica. Gli esperti tendono a considerare questo disturbo o riduzione dell’interesse come soggettivo, genitale o combinato. Ma qual è la differenza?

Quando il disturbo dell’interesse sessuale è soggettivo

Questo tipo di disturbo si verifica quando le donne non si sentono eccitate da nessun tipo di stimolazione sessuale genitale o non genitale (per esempio baciare, ballare, guardare un video erotico, stimoli fisici), nonostante la presenza della risposta fisica genitale (per esempio la congestione genitale).

Quando il disturbo dell’interesse sessuale è genitale

Questo tipo di disturbo si verifica quando l’eccitazione viene avvertita in risposta alla stimolazione non genitale (per esempio un video erotico) ma non in risposta alla stimolazione genitale. Questo disturbo in genere è più frequente nelle donne in post-menopausa. La lubrificazione vaginale e la sensibilità sessuale genitale è ridotta.

Quando il disturbo dell’interesse sessuale è combinato

Questo tipo di disturbo si manifesta quando l’eccitazione sessuale in risposta a qualsiasi tipo di stimolazione sessuale è assente o ridotta, e le donne riferiscono un’assente eccitazione fisica genitale e possono dichiarare di sapere che la congestione del clitoride non si verifica più.

In altri termini possiamo dire che i disturbi del desiderio sessuale si differenziano, esiste quello ipoattivo ed esiste quello da avversione sessuale.

  • Il disturbo da desiderio sessuale ipoattivo è l’insufficienza o l’assenza di fantasie sessuali e del desiderio di attività sessuale.
  • Il disturbo da avversione sessuale, invece, è caratterizzato dall’attivo evitamento del contatto sessuale genitale con un partner sessuale.

Esiste un trattamento da seguire per risolvere questo disturbo?

Un’anamnesi sessuale per capire la natura del problema è utile per approfondire e risolvere il problema. È molto importante che il disturbo venga riconosciuto e che si intraprenda un percorso di trattamento. Da quando disturbi di questo tipo non sono più oggetto di tabù, è estraneamente importante consultare il proprio specialista di fiducia. 

L’approccio più favorevole potrebbe essere un approccio multidisciplinare perché può comprendere consulenti sessuali, specialisti del dolore, psicoterapeuti e fisioterapisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.